Dichiarazione d’ammore. <3

Ebbene sì, oggi stesso voglio rendere pubblico tutto l’ammore che provo per questo programmino che più volte mi ha evitato di usare Windows, per piccole utility come per videogiochi di ultima generazione.

Continua a leggere

Annunci

[How to crack it] Re-Volt: Recensione e Download

Vi siete stufati dei soliti simulatori di guida? Non ne potete più di controllare bolidi da 300 Km/h? Forse questo è il gioco che fa per voi…

Re-Volt è un simulatore di automobiline radiocomandate: l’obiettivo del gioco è quello di proporre una quantomeno realistica riproduzione della guida di modelli RC attraverso improbabili circuiti. Qualcuno di voi potrebbe sicuramente storcere il naso, ma, a conti fatti, il gioco riesce benissimo nel suo intento. Alla Acclaim hanno tirato fuori un gioco molto elaborato, nato da una semplice idea. Sentite un po’ il background che sottende alle vicende: la Toy-Volt, leader mondiale nella produzione dei giocattoli, in pochi anni, grazie alla qualità dei suoi prodotti, è riuscita ad aggiudicarsi le prime posizioni nelle classifiche di vendita. Nessuno sa spiegarsi come è successo: la Toy-Volt ha riunito i migliori esperti per creare i suoi giocattoli, ma c’è qualcosa di strano che quasi li anima… tanto che a un certo punto le automobiline radiocomandate si sono messe a correre da sole, invadendo tutti gli spazi a loro disposizione. A noi l’onore e l’onere di sceglierne una per guidarla attraverso queste strane ambientazioni, che spaziano dalle strade di periferia al supermarket, passando per il negozio dei giocattoli ed un improbabile Toy-tanic (ovviamente si corre sul ponte di una nave…).
A quanto pare il background non costituisce l’arma vincente del gioco…

Re-Volt è un ottimo mix di buona grafica, effetti sonori azzeccati e un realismo da far paura. Una volta superati i semplici menu e affrontata una qualsiasi delle modalità di gioco, si rimane sicuramente colpiti dall’incredibile cura riposta nella riproduzione del comando di modelli RC. Al “volante” di questi piccoli missili occorre essere veloci e allo stesso tempo delicati: basta un nonnulla per eseguire un testacoda da manuale o peggio causare il ribaltamento della piccola vettura.
Il gioco, con le dovute riserve, potrebbe essere paragonato ad un Micromachines 3D, dove tutte le reazioni dei veicoli sono rese estremamente realistiche e dove si può realmente interagire con le ambientazioni. Queste ultime sono infatti ricche di insidie e di scorciatoie, e spesso una traiettoria ben impostata può far risparmiare secondi preziosi. Non mancano ovviamente tutti i fattori che possono causare rallentamenti alla vettura: correndo nelle strade della periferia potreste essere colpiti da una pallonata, nel supermarket dovrete stare attenti alle porte scorrevoli, insomma… ci sono tante possibilità di farvi saltare i nervi in breve tempo. Re-Volt è uno di quei prodotti che richiede sul serio pause ogni ora di gioco: a causa della concentrazione richiesta e della difficoltà, non si è più in grado di ottenere risultati soddisfacenti a meno di fare qualche minuto di riposo ogni tanto. Dato che in fondo si tratta di comandare dei giocattoli, ci si aspetterebbe dei controlli semplificati e una certa facilità… niente di più sbagliato: Re-Volt è un gioco estremamente complicato che, grazie a una serie di trovate, può garantire una longevità veramente eccellente.

Prima di tutto bisogna sottolineare la quantità di automobili che è possibile utilizzare: sono in totale 28, ma si parte con una decina. Esistono modelli elettrici e a benzina, a trazione anteriore, posteriore o integrale, ognuno caratterizzato a diverse specifiche. Al momento di scegliere quello che vi accompagnerà nella risoluzione delle gare, occorre valutare diversi fattori: accelerazione, velocità massima, peso e tipo di trazione.
Le differenze si fanno veramente sentire: all’inizio è meglio scegliere un’auto abbastanza equilibrata, per abituarsi al modello fisico e per fare la mano con i comandi. In generale è preferibile la trazione integrale, dato che in buona parte dei circuiti si finisce per attraversare terreni scivolosi, ma ci sono vetture a trazione anteriore o posteriore che potrebbero rivelarsi vincenti per le loro caratteristiche di peso e motricità. In Re-Volt non esiste la ricetta definitiva per scegliere la propria vettura: ognuno deve adattarsi e scegliere in modo da garantirsi i risultati migliori nelle sette diverse ambientazioni in cui si gareggia. A condire il tutto c’è la presenza di vari bonus che è possibile raccogliere durante la gara: questo fattore, per niente nuovo in giochi del genere, può essere comodamente abilitato e disabilitato dal menu delle opzioni.

Sebbene dia un ulteriore tocco di competizione al gioco e sia indispensabile nel multiplayer, dove per inciso avvengono le gare più divertenti, a volte potrebbe risultare fastidioso e altamente stressante. Dovete immaginare Re-Volt come il Grand Prix Legends delle automobiline radiocomandate: la difficoltà nel controllo delle leggerissime vetture e le insidie che celano fondi scivolosi o dislivelli possono farvi perdere la retta via in poche frazioni di secondo. Non vi farebbe imbestialire se vi lanciassero un missile mentre state per arrivare al traguardo? Le parolacce fioccherebbero…Per quanto riguarda il versante prettamente tecnico, Re-Volt presenta un ottima grafica: come potete notare nelle immagini qua attorno, il mondo nel quale guiderete i modelli è pieno di dettagli e colori. La velocità e la fluidità della grafica non sono spaventose, ma in grado di farvi impazzire nel giro di poche partite. Di ottima fattura esplosioni, fumo, sgommate (anche se sembra un po’ irreale che quei veicoli lascino tracce di pneumatico sul terreno) e tutti gli effetti visivi: persino l’antenna si piega sotto l’effetto del vento. Il sonoro non è invece all’altezza dell’aspetto grafico: le musiche sono un po’ noiose e ripetitive e gli effetti non sono degni di particolare nota, nemmeno se si utilizzano schede di ultima generazione come la SoundBlaster Live.

Il versante giocabilità è un po’ più complesso da analizzare: Re-Volt è un gioco in cui, prima di riuscire a vincere, occorrono ore di training estenuante. Regolare la sensibilità dei comandi è fondamentale: lasciando le impostazioni di default del gioco, non appena si sfiora il joystick o il volante ci si ritrova in testacoda.

Il force feedback non è particolarmente esaltante, ma purtroppo non si può disabilitare. Lo stile di guida da adottare è molto diverso rispetto ad altri simulatori automobilistici: gli spazi sono veramente ristretti e le auto realmente sensibili alle variazioni di traiettoria, tanto che nei primi tempi si passa più tempo a testa in giù e sui muretti che al fianco delle altre vetture. Per fortuna è possibile scegliere tra diverse modalità di gioco: Junior RC, Console, Arcade (default) e Simulazione. Questi quattro “livelli di difficoltà”, riducendo il realismo negli urti e la velocità massima delle vetture, adattano il gioco a qualsiasi utenza. Se si ha la pazienza giusta per imparare a giocare Re-Volt riserva ore e ore di puro divertimento: all’inizio si ha a disposizione un terzo dei circuiti e delle auto disponibili, ed i restanti sono da sbloccare vincendo svariate competizioni. Nessuna delle modalità di gioco è stata esclusa: anche in “Allenamento”, recuperando le stelline nascoste nei livelli, è possibile ottenere nuove automobili. Ovviamente la modalità principe è il “Campionato”, che apre le porte a nuovi circuiti e nuove auto contemporaneamente. La modalità “Arena” è totalmente nuova: consiste in un ampio spazio dove ci sono attrezzature per compiere salti ed evoluzioni. Oltre al divertimento, l’obiettivo di questa modalità è quello di farvi raccogliere 20 stelline disseminate nei posti più difficili da raggiungere: nel caso ci riusciate avrete accesso ad una modalità di gioco realmente divertente (il suo nome è “Clockwork Carnage”, ma non vi sveliamo altro!).
È inoltre presente un editor di piste, anche se l’elevata difficoltà d’uso potrebbe scoraggiare i meno risoluti.
In definitiva, se siete degli amanti degli arcade e contemporaneamente vi piacciono le simulazioni accurate, non potete lasciarvi sfuggire Re-Volt. Se siete videogiocatori alla ricerca di qualcosa di nuovo, questo prodotto potrebbe risolvere i vostri problemi.

Link al Torrent: http://torrents.sumotorrent.com/download/3606750/2009-11-07/Re-Volt_ST3127081.torrent

Link Ed2k: ed2k://|file|Pc%20Game%20Revolt%20Auto%20Telecomandate%20War%20Car%20(Bello)Lingua(Ing,Fra,Ted,Ita,Spa).zip|101240975|3B823606CF1532581A781E09ACE76A60|/

Installare Re-Volt con Multiplayer su Wine

Cos’è Revolt?

Re-Volt è un videogioco automobilistico che simula automobili radiocomandate (RC) prodotto dalla Acclaim Entertainment nel 1999. È stato sviluppato per PlayStation, PC, Nintendo 64 e Sega Dreamcast.

Installare Wine

Hai bisogno dell’ultima versione di Wine, quindi ti occorrerà la versione “in testing”. Vai alla pagina di download di Wine e segui le indicazioni sull’installazione riguardo la tua distribuzione Linux.

Installare Re-Volt

Con Wine puoi avviare l’installazione del gioco dal cd. Inserisci il cd nel lettore e apri il setup di Re-Volt, Wine lo aprirà automaticamente. Se ciò non avviene apri il terminale e dai:

wine setup.exe

Se il setup non dovrebbe funzionare per qualsiasi motivo, puoi direttamente copiare la tua installazione di Wine dalla partizione di Windows.

E’ raccomandato poi aggiornare il gioco alla versione 1207 con una patch. Scaricala da qui ed estraila dove hai installato Re-Volt in Linux. La directory di Wine si trova in .wine/drive_c/, quindi la patch si sovrà estrarre in qualcosa di simile a .wine/drive_c/Program Files/Acclaim/Re-Volt

Installare le librerie native

Wine non implementa tutte le librerie di Windows necessarie al buon funzionamento di Re-Volt, sopratutto per il multiplayer (Per esso useremo RV House). Però si possono sempre usare le dll che Windows implementa. Questi file sono posizionati in C:\Windows\system32

Noi abbiamo bisogno di queste due:

· dplayx.dll
· dpwsockx.dll

Copiali in .wine/drive_c/windows/system32

Dopo aver copiato i due file dobbiamo configurare Wine per poterle usare. Digitiamo winecfg nel terminale. Nella finestra che si è appena aperta, nella tab “Applications” selezioniamo “Default Settings” (poichè le impostazioni dovranno essere le stesse sia per Re-Volt che RV House).

Poi andiamo nella tab “Libraries” e aggiungiamo le due librerie di cui abbiamo parlato prima. Usiamo il pulsante “Edit” e impostiamo tutte e due le dll come “Native”.

Applichiamo le modifiche e chiudiamo la finestra.

Avviamo Re-Volt

E’ importante lanciare Re-Volt adesso così può effettuare tutte le modifiche necessarie al registro e allo stesso momento per verificarne il funzionamento. Re-Volt può essere trovato nel menu dei programmi Wine o navigando nella cartella dove si trova l’eseguibile e avviarlo. Il gioco dovrebbe partire. Potete provare nel gioco se funziona il multiplayer: se vi da errore non c’è da preoccuparsi, è normale.

Installare RV House

Adesso puoi installare RV House per poter giocare online. Bisogna installare la versione di Windows scaricabile qui per poterla usare in Wine. Seguiamo le indicazioni per installare RV House e avviamolo. Ora si può giocare a Re-Volt avviando RV House.

Soluzioni a problemi noti

D: Re-Volt si avvia con una risoluzione bassa, come posso giocare con una più alta?

R: Si può aggirare il problema aprendo winecfg e seguire queste istruzioni:

– Nella tab “Applications” clickiamo sul pulsante “Add Application” e aggiungiamo il file eseguibile di Re-Volt.

– Selezioniamo l’eseguibile di Re-Volt aggiunto e andiamo nella tab “Graphics”

– Selezioniamo la voce “Emulate virtual desktop” e inseriamo la risoluzione desiderata (es. 800×600)

– Applichiamo i cambiamenti.

Si devono eseguire le stesse istruzioni anche per l’eseguibile di RV House. Riavviamo Rv House e Re-Volt dopo aver effettuato i cambiamenti.

D: L’Hosting di RV House funziona ma il Join no. Come posso risolvere?

R: Bisogna chiedere l’IP dell’host e inserirlo manualmente in Re-Volt.